Smart Puglia


smart puglia

La Commissione Europea incoraggia la progettazione di strategie regionali di innovazione per specializzazione intelligente come un approccio strategico e integrato allo sfruttamento del potenziale per una crescita intelligente dell'economia della conoscenza in tutte le regioni europee.

Il concetto “Smart Specialisation” è stato sviluppato dal Gruppo “Knowledge for growth” ed è ripreso nel “Rapporto Barca” e nella Comunicazione della Commissione sul contributo della politica regionale alla “Smart Growth”. E’ un concetto utilizzato come raccomandazione per migliorare l'efficacia dei sistemi nazionali e regionali responsabili dell’attuazione delle politiche di ricerca e innovazione e  per ripartire e mettere a sistema gli interventi dei Fondi europei (HORIZON, COSME, Fondi strutturali) nel loro sostegno all’innovazione.

Le strategie di “smart specialisation” sono strategie d’innovazione - flessibili e dinamiche - concepite a livello regionale, ma valutate e messe a sistema a livello nazionale.  Vanno valorizzati i settori/nicchie dove si dispongono chiari vantaggi comparativi, che sono già facilmente individuabili perché, per effetto della concorrenza, gli attori economici si sono già specializzati e posizionati, o che potranno essere sviluppati nel futuro grazie all’attività imprenditoriale (il cosiddetto “entrepreneurial process of discovery”).

L’approccio della Specializzazione intelligente o Smart specialization mira a determinare lo sviluppo di strategie regionali per l'innovazione che:

- concentrino risorse pubbliche su priorità, sfide e bisogni di sviluppo basato sull'innovazione e la conoscenza;

-  prevedano misure per stimolare l'investimento privato in ricerca e sviluppo ;

-  aiutino le regioni a posizionarsi globalmente in specifici mercati o nicchie nell'ambito di catene del valore internazionali;

-  favoriscano il completo coinvolgimento degli Stakeholder ed incoraggino l'innovazione e sperimentazione di modelli di governance;

-  siano basate sull'evidenza e prevedano sistemi di monitoraggio e valutazione.

Alle regioni viene richiesto di adottare l'approccio programmatico della Smart Specialization per consolidare una nuova generazione di politiche pubbliche per la ricerca e l’innovazione e per arrivare pronti al nuovo ciclo di programmazione 2014-2020 attraverso un utilizzo integrato e razionalizzato dei fondi strutturali e di altre risorse finanziarie.  Le nuove strategie per la ricerca e l’innovazione e per la Smart Specialization rappresentano una condizionalità ex-ante, ovvero devono essere valutate e validate prima dell’avvio del nuovo ciclo di programmazione.

La Regione Puglia e' attiva nel processo di revisione della propria strategia per la ricerca e l’innovazione avendo aderito dal dicembre 2011, tra le pochissime regioni italiane, alla piattaforma S3, coordinata dal Joint Research Center IPTS di Siviglia, che fornisce un supporto metodologico alle regioni ed agli Stati membri in Europa.

Verso la Smart Puglia

Gli AttiIl percorso partecipato
Il 17 luglio 2012 la Giunta regionale approva la Deliberazione n.1468 con cui avvia il percorso per la Strategia regionale per la Ricerca e l’Innovazione basata sulla Smart Specialization. Il 6 dicembre 2012 si avviano i Laboratori sulle politiche per la Smart Specialization, organizzati dalla Regione Puglia insieme al Formez, nell’ambito del progetto Capacity SUD, su iniziativa di FormezPA (PON GAS-Asse E - Rafforzamento della Capacità Istituzionale rivolto alle quattro Regioni dell’Obiettivo Convergenza).

L’11 aprile 2012, con la DGR 722, la Giunta regionale aderisce al Bando PON R&C “Smart cities and communities” e definisce indicazioni di priorità strategiche regionali.

 

Il 17 luglio 2012, con la DGR 1470, la Giunta regionale approva l’APQ MIUR/R.P. “Distretti Alta Tecnologia e Laboratori Pubblico provati per il rafforzamento del potenziale scientifico e tecnologico della Regione Puglia”.

 

Il 18 settembre 2012, con DGR 1810, la Giunta regionale indica le priorità strategiche aderendo al bando PON R&C per il Cluster Tecnologici nazionali.

 

Il 31 ottobre 2012, con la DGR 2206, la Giunta regionale aderisce all’Avviso del MIUR per la presentazione di idee progettuali per le Smart cities and communities and Social innovation.

 

Il 21 maggio 2013, con DGR 992, la Giunta regionale ha aderito all’Avviso pubblico del MISE e del MIUR per la rilevazione dei fabbisogni di innovazio0ne nel settore pubblico.

 

Il 15 ottobre 2013, con la DGR 1935, la Giunta regionale detta indirizzi per lo sviluppo e potenziamento di Cluster Tecnologici Nazionali e approva lo schema di Accordo di Programma multiregionale e con il MIUR.

  • 6 dicembre 2012 “Smart regional Innovation meeting” - visualizza report
  • 22 gennaio 2013 - “Strategia Europa 2020: un approccio discontinuo e concreto  per programmare i nuovi fondi strutturali”
  • 19 febbraio 2013 - “Autovalutazione Innovation Union” - visualizza report
  • 9 e10 aprile 2013 - “La cittadinanza digitale attiva: questioni aperte, opportunità, prospettive” - visualizza report
  • 23 maggio 2013 – “Quali aree di specializzazione per la Puglia 2020: le proposte dei Distretti Tecnologici Pugliesi” - visualizza report
  • 23 luglio 2013 - “Quali tecnologie abilitanti per la Puglia” -  visualizza report
  • 21 settembre 2013 - “Living Lab Salute – Verso la Puglia Digitale 2020” -  visualizza report
  • 15 novembre 2013 “Living Lab Smart Cities”, MUST di Lecce - visualizza report
  • 6 dicembre 2013 “I territori e l’Economia Creativa e Digitale”, Medimex, Fiera del levante - visualizza report
  • 07 aprile 2014 “Quale Agenda regionale per la Responsabilità Sociale d'Impresa nella Nuova Programmazione”

Il 14 marzo 2014 la Giunta regionale ha approvato la prima versione del documento “SmartPuglia 2020”, Strategia regionale per la Specializzazione intelligente, decidendo l’avvio di una specifica consultazione pubblica, aperta fino al 30 aprile 2014.

In questa pagina è pubblicato il documento e si raccolgono i contributi di tutti gli interessati.

“Verso la Smart Puglia: la nuova generazione di politiche per la R&I” – presentazione del 26 marzo 2013, Evento annuale di comunicazione del PO Fesr 2007-2013

Gli Open Data per valutazione e definizione  partecipata: www.dati.puglia.it

Il percorso coinvolge tutte le Aree di coordinamento regionali, l’Arti, InnovaPuglia spa, Puglia Sviluppo spa, oltre ai Distretti Tecnologici e alle Aggregazioni Pubblico Private, ed è aperto al Partenariato socio-economico regionale.

Questo, il primo report



Link


Documenti